Gangsters Inc. - www.gangstersinc.org

MANDAMENTO PAGLIARELLA, VILLAGGIO SANTA ROSALIA

By Puparo

Villaggio Santa Rosalia (Pagliarella mandamento)
Villaggio Santa Rosalia (Pagliarella mandamento) member Enrico Scalavino “Muschidda”
Villaggio Santa Rosalia (Pagliarella mandamento) member Giuseppe Trinca “Pinuzzo” and his son in law Filippo Annatelli


Villaggio Santa Rosalia (Pagliarella mandamento)
Giuseppe Calcagno (45) from Pagliarella went 4 April 2006 to the carabiniere and became pentito


Villaggio Santa Rosalia (Pagliarella mandamento)
Thanks to Calcagno police arrested 20 April 2006 Enrico Scalavino, Angelo Casano, Francesco Annatelli and Giuseppe Trinca




PROVENZANO SUCCESSORS ROTOLO, CINA, BONURA ARRESTED




Bernardo Provenzano's successors Rotolo, Cina and Bonura arrested in Palermo police operation “Gotha”
20 June 2006 police arrested in Palermo 52 people, including three Mafia leaders believed to be the successors of boss-of-bosses Bernardo Provenzano after his arrest in April. The police operation was carried out thanks to extensive investigations and to 'pizzini', notes used by Provenzano to issue orders to his mafia footsoldiers, found in the farmhouse where he was hiding until his arrest on 11 April ended his 43-years as a fugitive. Among those arrested are three Mafia bosses, Antonino Rotolo (60), Antonino Cina (61 or 51) and Francesco Bonura (64 or 56), who led the criminal organisation on Provenzano's behalf from a hut right near the home where Rotolo was serving a life sentence under house arrest. the arrest of 11 heads of Mafia families in Palermo, a dozen Mafia bosses and five of their lieutenants." Ring leaders were reportedly also managing an extortion racket targeting retailers in Palermo and entrepreneurs which was especially run to support the families of Mafia criminals in jail. Arrested were Gerlando Alberti sr (79 capomafia from Porta Nuova), Filippo Annatelli (43 capomafia from Corso Calatafimi-Roccella), Angelo Badagliacca (33 capomafia from Rocca Mezzo Monreale), Pietro Badagliacca (52 capomafia from Rocca Mezzo Monreale), Gaetano Badagliacca (51 capomafia from Rocca Mezzo Monreale), Girolamo Biondino (48 capomafia from San Lorenzo), Francesco Bonura (56 and underboss of Uditore), Vincenzo Brusca (52 capomafia from Torretta), Carmelo Cancemi (54), Giovanni Cancemi (35), Giuseppe Cappello (69 capomafia from Borgo Molara), Calogero Caruso (69 capomafia from Torretta), Antonino Cinà (51 mandamento of San Lorenzo), Salvatore Davì (48 capomafia from Partanna Mondello), Antonino Di Maggio (52 capomafia from Carini), Lorenzo Di Maggio (55 capomafia from Torretta), Vincenzo Di Maio (62 capomafia from Acquasanta), Pietro Di Napoli (67 acting mandamento of Noce), Mario Grizzaffi (40 capomafia from Corleone), Salvatore Gioeli (40 capomafia from Porta Nuova), Nicola Ingarao (mandamento Porta Nuova), Francesco Inzerillo (born in 1955), Francesco Inzerillo (born in 1956), Rosario Inzerillo (born in 1953 or 1954 capomafia from Altarello), Tommaso Inzerillo (born in 1948 or 1949), Emanuele Lipari (45), Alessandro Mannino (46 capomafia from Boccadifalco), Calogero Mannino (66 capomafia from Uditore), Giovanni Marcianò (64 acting capomafia from Boccadifalco), Vincenzo Marcianò (acting capomafia from Boccadifalco), Settimo Mineo (68), Giovanni Nicoletti (56), Michele Oliveri (75 capomafia from Pagliarelli), Angelo Parisi (27), Pietro Parisi (56), Antonino Pipitone (77 capomafia from Acquasanta), Vincenzo Pipitone (capomafia from Carini), Salvatore Pispicia (41 capomafia from Palermo Centro), Rosario Rizzuto (49), Antonino Rotolo (60 mandamento of Pagliarelli), Gaetano Sansone (56 capomafia from Uditore), Giuseppe Sansone (58 capomafia from Uditore), Giuseppe Savoca (mandamento Brancaccio), Giovanni Sirchia (32 capomafia from Passo di Rigano), Francesco Stassi (72), Vincenzo Vallelunga (56 capomafia from Carini?), Giuseppe Brusca (capomafia from Boccadifalco), Giovanni Nicchi (capomafia from Pagliarelli). Seven men are still being sought.


Palermo police operation “Gotha”
In the arrest warrants, prosecutors leading the investigations wrote that Rotolo, Cina and Bonura had close contacts with the political world and had also been "pursuing a strategy" to include among candidates at local elections in Palermo next year politicians belonging to the Mafia or supporting the organization.


Palermo police operation “Gotha”
operations leading to the arrests had to be speeded up as a new Mafia war was about to break out for the control of the island, after the detention of Provenzano. Antonino Rotolo, 60, Antonino Cina, 61 and Francesco Bonura were going to order the murders of Salvatore Lo Piccolo and his son Sandro Lo Piccolo.


Rotolo’s acting boss and the Porta nuova capomandamento Nicola Ingarao
Rotolo ordered the murder of Salvatore Lo Piccolo and his son Sandro Lo Piccolo who reacted with murdering Rotolo supporter Bartolomeo “Lino” Spatola and Rotolo’s underboss Ingarao


Palermo murdercase Giuseppe D'Angelo
22 Augustus 2006 was in Palermo fruit shop owner Giuseppe D'Angelo (69) shot dead in the marine area of Sferracavallo, in the street of the same name, number 41. The neighbourhood belongs to Tommaso Natale “mandamento” and is under the control of the fugitive bosses Salvatore Lo Piccolo and his son Sandro Lo Piccolo. It was a mistake because they wanted to murder Sferracavalllo capo mafia Bartolomeo “Lino” Spatola


Sferracavallo capo mafia Bartolomeo “Lino” Spatola killed at orders of Lo Piccolo
Bartolomeo “Lino” Spatola (born 18 January 1934) (72) disappeared in December 2006


Ignazio Rimi killed in Turin
Ignazio Rimi (48 from Alcamo) was murdered 2 December in 2006 in Turin.


Rotolo’s acting boss and the Porta nuova capomandamento Nicola Ingarao killed
13 June 2007 was Rotolo’s acting boss and the Porta nuova capomandamento Nicola Ingarao killed at the orders of Salvatore Lo Piccolo (from the tapes on which Rotolo was arrested, he had ordered the murder of Salvatore Lo Piccolo and his son Sandro Lo Piccolo, who now reacted with this murder)
Borgo Vecchio capo mafia Angelo Monti (brother in law of killed Nicola Ingarao)


Palermo Centro capo mafia Nicola Ingarao killed at orders of Lo Piccolo
Lo Piccolo affiliate Andrea Bonaccorso drove the motor when Sandro Lo Piccolo shot and killed Palermo Centro capo mafia Nicola Ingarao


Porta Nuova capo mafia Gaetano Lo Presti (Lo Piccolo)
In 2007 was Gaetano Lo Presti appointed capo mafia of Porta Nuova by Salvatore Lo Piccolo


Pentito Vito Galatolo
3 August 2007 disappear Antonio Maiorana (47) and his son Stefano Maiorana (23). Stefano Maiorana mother Rossella Accardo the ex wife of Antonio Maiorana. Pentito Vito Galatolo talked about their murders




BUILDING CONCRETE MONOPOLY OF MAFIA




Partinico / Borgetto : Nania- Giambrone (Lo Piccolo) versus Nicolo Salto- Salvatore Corrao (Raccuglia)
8 July 2006 police taped a meeting between Salvatore Corrao and his nephew Santo Musso in which Corrao said he had spoken with Francesco Rappa during a trial in Milan and Corrao orders the murders of Giuseppe Giambrone “valigia”, his nephew Antonino Giambrone and Giuseppe Lo Baido “a’zzotta” (killed 13 July 2007). Not to be killed was Giambone’s boss Nania who is family of Rappa


Borgetto capo mafia Antonino Giambrone enemy Corrao imprisoned
Borgetto capo mafia Antonino Giambrone (acting for Nania family) his enemy Salvatore Corrao was imprisoned. Borgetto capo mafia Antonino Giambrone his nephew is Santo Musso.


Partinico / Borgetto : Nania- Giambrone (Lo Piccolo) versus Nicolo Salto- Salvatore Corrao (Raccuglia)
1 February 2007 was Nicolo Salto released from prison


Partinico
19 May 2007 disappeared Antonino Frisella from Partinico.


Partinico
13 July 2007 was Giuseppe Lo Baido (36) shot and killed in Partinico (Salto- Corrao behind ??)


Partinico acting capo mafia Giuseppe Giambrone (Nania) arrested
In October 2007 was Giuseppe Giambrone arrested


Borgetto capomafia Benedetto “Benny” Valenza set free
Valenza came free in 2007. Non tardò a reinserirsi nel settore delle forniture di cemento, stavolta coinvolgendo la madre Flora Camilli.


Borgetto
31 October 2007 was Antonino Giambrone (son of Vito Giambrone who was killed in 1998, and nephew of the boss Giuseppe Giambrone "U Stagnalisi") shot and killed in Borgetto


Dalla registrazione delle conversazioni tra i fratelli Gaspare e Giuseppe Bacarella e Salvatore La Puma, è stato possibile raccogliere una serie di dettagli sul piano di eliminazione di Antonino Giambrone. I tre, infatti, ne avevano studiato gli spostamenti e le abitudini, si erano procurati le armi necessarie (testandole anche su cani randagi), avevano rubato un’auto appositamente per l’omicidio ed aspettavano solo il via libera ad agire.


Benedetto Valenza
Per lui infatti a lungo aveva lavorato, con la propria ditta di trasporto in conto terzi, anche Antonino Giambrone, assassinato a Borgetto il 31.10.2007 il quale si era occupato soprattutto del trasporto di calcestruzzo e di materie prime dall’impianto della CAMILLI Flora s.r.l. al Porto di Balestrate.




CAPO DEI TUTTI CAPI SALVATORE LO PICCOLO (PROVENZANO ALLY??) ARRESTED




Capo dei tutti capi Salvatore Lo Piccolo
wiretap evidence showed Lo Piccolo narrowly escaped arrest three times in 2007.


Capo dei tutti capi Salvatore Lo Piccolo arrested
5 November 2007 were arrested Salvatore Lo Piccolo and his son Sandro Lo Piccolo, Carini capomafia and pentito Gaspare Pulizzi and Andrea Adamo.


Partinico / Borgetto : Nania- Giambrone (Lo Piccolo) versus Nicolo Salto- Salvatore Corrao (Raccuglia)


Partinico faction Nania- Giambrone
The faction of Nania-Giambone profited from the arrests of Lo Piccolo in November 2007 and of Giuseppe Giambrone in October 2007




USA BASED ZIPS




Italian and US joint police operation Old Bridge
Operation Old Bridge started with the 7 February 2008 arrests of


Thomas Cacciopoli
Frank Cali
Charles Carneglia
Domenico Cefalu
Joseph Corozzo
Nicholas Corozzo
Jackie D'Amico
Leonard DiMaria
Richard G. Gotti
Vincent Gotti
Richard Ranieri
Vincent Dragonetti


American Mafiosi indicted
Those without a release date listed either weren't sentenced to jail time or weren't imprisoned in a Federal Bureau prison.


Joseph Agate
Vincent "Elmo" Amarante
Jerome "Jerry" Brancato (released September 3, 2010)
Nicholas Calvo (released January 12, 2010)
Joseph "Joe Rackets" Casiere
Mario "Lanza" Cassarino (released September 15, 2010)
John Cavallo
Gino Cracolici
Sarah Dauria
Vincent "Vinny Hot" Decongilio (released January 22, 2010)
Salvatore DeGrazia
Vincent Donnis
Robert Francis "Bobby the Jew" Epifania (released June 6, 2010)
Cody Farrell
Louis Faustino
Russell "One Eye" Ferrisi (released December 5, 2008)
Louis Filippelli (released December 9, 2008)
Ronald Flam
Joseph "Joe Gag" Gaggi
Abid "Han" Ghani (released February 14, 2008)
Anthony "Buckwheat" Giammarino
Ernest "Ernie" Grillo (released April 13, 2010)[16]
Christopher Howard
Steven Francis "Stevie I" Iaria (released March 31, 2009)
Eddie James
John Kasgorgis (released April 4, 2008)
William Kilgannon
Michael King
Anthony Licata (released February 1, 2011)
Joseph Marsilio
Defacto Morganelli
Anthony O'Donnell
James Outerie (released June 25, 2010)
Vincent "Vinny Basile" Pacelli (released May 5, 2010)
John "Johnny Red Rose" Pisano (released September 30, 2008)
Todd Polakoff
Giulio "Gino" Pomponio
John "Reeg" Regis (released October 3, 2008)
Jerry Romano
Angelo "Little Ang" Ruggiero, Jr. (release date: May 2, 2013)
Steven Sabella
Jimmy Scalzo
Anthony John Scibelli (released January 26, 2011)
Augustus "Gus" Sclafani
Joseph Scopo (released July 27, 2010)
William "Billy" Scotto
Edward "Eddie" Sobol
Joseph Spinnato (released January 30, 2009)
Michael "Mike the Electrician" Urciuoli (released June 24, 2008)
Frank "Frankie" Vassallo
Tara "Big Tara" Vega
Arthur Zagari


Sicilian mafiosi indicted
Francesco Adelfio (66)
Salvatore Adelfio (42)
Giuseppe Brunettini (37)
Filippo Casamento (82) (Bocadifalco clan member, Bonanno family associate, former Catalano-Ganci Consortium member and Pizza Connection defendant) (released May 7, 2010)
Antonino Chiappara (42)
Sergio Corallo (42)
Giovanni De Simone (46)
Maurizio Di Fede (40)
Salvatore Emanuele Di Maggio (59) (Torretta clan member)
Nicola Di Salvo (70)
Melchiorre Guglielmini (49)
Giovanni Inzerillo (36) (son of Salvatore Inzerillo)
Tommaso Lo Presti (33)
Giovanni Lo Verde (69)
Stefano Marino (36)
Giovanni Nicchi (27) (Pagliarelli capo-mafia, successor to Rotolo, Sicilian emissary to New York)
Pietro Pipitone (54)
Gaetano Savoca (41) (Brancaccio)
Vincenzo Savoca (77) (Brancaccio)


Sicilian mafiosi already in prison who were indicted
Andrea Adamo (46) (Brancaccio capo-mafia, ally of Salvatore Lo Piccolo)
Calogero Di Gioia (60)
Lorenzo Di Fede (83)
Benedetto Graviano (50)
Tommaso Inzerillo (59)
Cesare Carmelo Lupo (47)
Antonino "Nino" Rotolo (62) (Pagliarelli capo-mafia, Palermo Federation leader, rival of Salvatore Lo Piccolo)
Giuseppe "Pino" Savoca (74) (Brancaccio capo-mafia)
Salvatore Sorrentino (43)


Sicilian mafiosi on the run
Salvatore Parisi (54)


Sicilian mafiosi indicted who turned pentito
Giovanni Adelfio (70) (Vallagrazia clan member)


Passo di Rigano capo mafia Michelangelo La Barbera
Passo Di Rigano capo mafia Michelangelo La Barbera’s son Matteo La Barbera was 1 October 2008 arrested.


Passo Di Rigano capo mafia Domenico Buscemi
Passo Di Rigano capo mafia Domenico Buscemi (fugitive and capomandamento)


Cinisi capo mafia Gaspare Di Maggio
Cinisi capo mafia Gaspare Di Maggio was arrested in 2009 and got 10 years in 2010 but also got a life sentence for the 22 August 2006 murder of Giuseppe D’Angelo who was killed by Gaspare Pulizzi who was helped by Cinisi pentito Francesco Briguglio, Gaspare Di Maggio and Carini Mafioso Antonino Pipitone




PARTINICO/ BORGETTO MANDAMENTO??




Partinico capomafia Francesco Nania arrested in Newark
In Newark (New Jersey) police arrested 9 May 2008 Partinico capomafia Francesco Nania (37 and the son of boss Antonino Nania and a nephew of Filippo Nania "Fifuddu"). Partinico capomafia Francesco Nania is the son in law of capomafia Francesco Rappa and was sought since 15 April 2005 by the sicilian police for operation "Terra bruciata".


Partinico capomafia Francesco Nania
Partinico capomafia Francesco Nania had worked with Leonardo Vitale's wife and daughter Maria Vitale in mafiabusinesses.


Partinico capomafia Francesco Nania
Partinico capomafia Francesco Nania was also close with fugitive capomafia Antonio Raccuglia "il veterinario".


Borgetto
18 October 2008 they tried to kill Nicolo Salto in Borgetto but he escapes.


Le nuove indagini dei Carabinieri della Compagnia di Partinico e del Nucleo Investigativo del Gruppo di Monreale hanno avuto origine nel gennaio dello scorso anno (2008/2009). Da qualche mese VALENZA era stato assolto e quindi scarcerato. I militari avevano tuttavia ricevuto la netta impressione che lo stesso avesse ricominciato ad occuparsi della gestione delle proprie imprese. Nel frattempo infatti era sorto in C.da Sardo, a Borgetto, un nuovo impianto di calcestruzzi, proprio nelle vicinanze della sede della Calcestruzzi del Golfo, che dopo la confisca era passata in regime di amministrazione controllata. Il fatto che proprio questo nuovo impianto era una delle mete quotidiane del VALENZA, fece aumentare i sospetti dei militari che, infatti, accertarono che l’attività fosse formalmente intestata alla madre di Benny Valenza, Flora Camilli. Gli elementi fino a quel punto raccolti, che lasciavano intravedere già un ipotesi di falsa intestazione di beni, furono avvalorati successivamente anche dalle rimostranze dell’amministratore il quale ha segnalato all’Autorità Giudiziaria che dalla nascita dell’impianto intestato a Flora Camilli, gli affari della CALCESTRUZZI DEL GOLFO in poco tempo avevano avuto un brusco calo arrivando al fallimento.




MANDAMENTO BRANCACCIO, ROCCELLA




Brancaccio ??capo mafia ?? Gaspare Spatuzza pentito
In June 2008 became Brancaccio capo mafia ?? Gaspare Spatuzza pentito and said he had stolen with Vittorio Tutino the car used in the bomb attack in via D’Amelio (Borsellino). They had stolen the car at the request of Cristofaro Cannella and Giuseppe Graviano (Brancaccio cpo mafia then). Spatuzza said Lorenzo Tinnirello and Francesco Tagliavia placed the explosives in the car


Roccella mafioso Stefano Marino (36) arrested
31 July 2008 police arrest Roccella mafioso Stefano Marino (36) in Altavilla Milicia,.




MANDAMENTO BAGHERIA, VILLABATE, CASTELDACCIA, ALTAVILLA, FICARAZZI




Villabate mayor
From 27 May 2007 till 9 May 2012 served mayor Gaetano Di Chiara


Bagheria capo mafia Pietro Lo Iacono (61) (Provenzano) free
23 May 2007 came free from prison Pietro Lo Iacono (61). He is a Provenzano ally


Casteldaccia mayor
From 17 June 2008 till 11 June 2013 served mayor Giovanni Di Giacinto


Bagheria mandamento split
after the arrest of Pino Scaduto in 2008 the 'mandamento' split into two rival factions, one led by Leonardo and Nicolo Greco and the other one led by Onofrio Morreale (son-in-law of Nicolo Eucaliptus) and Nicola Mandala (boss of Villabate crime family).


Bagheria capo mafia Pietro Lo Iacono
Michele Modica and Andrea Carbone plotted to kill Bagheria boss Pietro Lo Iacono in July 2008 . Giuseppe Scaduto used his crew to try to kill Pietro Lo Iacono (the hit failed) in Sicily.

Il 4 luglio 2008 quattro persone vengono fermate dalle forze dell'ordine con l'accusa di aver preparato un piano dettagliato per uccidere il boss Lo Iacono. Sono Michele Modica, 53 anni, e Andrea Fortunato Carbone, 43 anni, entrambi di Casteldaccia; Emanuele Cecala, 31 anni, di Caccamo; Gaetano Fiorista, 32 anni, di Palermo.


Altavilla capo mafia Michele Modica (imprisoned)
Michele Modica (imprisoned) is the current boss of Altavilla Milicia crime family


Bagheria capo mafia Massimiliano Ficano arrested (Provenzano ally)
Bagheria capo mafia Massimiliano Ficano (34 and his brother in law is Provenzano man Simone Castello) was 1 December 2009 arrested with his father Leonardo Ficano (67), Francesco Pipia (52), Cristoforo Morici (56), Stefano Lo Verso (48), Dario Comparetto (27) and Giuseppe Comparetto (33), Emanuele Giovanni Leonforte (39) and Provenzano man Onofrio Morreale (44).


Ficarazzi
Capo mafia Giovanni Trapani, his sister Silvana Trapani and niece Mariangela Manna




Partinico / Borgetto : Nania- Giambrone (Lo Piccolo) versus Salto- Corrao (Raccuglia)




Borgetto
20 January 2009
L'operazione dei carabinieri del Gruppo di Monreale, denominata «Chartago» mette in evidenza gli equilibri mafiosi del palermitano e sul dato che la «guerra di mafia» sembrava essersi conclusa a favore della fazione capeggiata da Salvatore Corrao e Nicolò Salto. Il denaro necessario per il sostentamento dei detenuti ed il mantenimento dei familiari dei mafiosi, infatti, cominciava ad essere assicurato dalle fiorenti attività illecite, che erano appannaggio esclusivo della gestione «vincente». I carabinieri della compagnia di Partinico, alcuni mesi fa, fermarono durante un posto di controllo, Antonio Salto, figlio minore del boss di Borgetto, e gli sono stati trovati 70 mila euro in contanti e un «pizzino» con la lista degli imprenditori che pagavano il «pizzo». Il mandamento mafioso colpito dagli arresti era temuto da tutte le altre famiglie palermitane proprio per l'incertezza gestionale che vi regnava e per l'effervescenza criminale più volte dimostrata. Basti pensare al tentato omicidio di Nicolò Salto (18 ottobre 2008) che fa ipotizzare nuovi scenari.


Misilmeri
21 January 2009 was Pietro Lo Bianco (26 and his brother is Agostino Lo Bianco) shot and killed, he was the nephew of Francesco Lo Gelfo (born 6 October 1961) and was also the chauffeur for Salvatore Sciarabba


Belmonte Mezzagno
Giusto Sciarabba was born in Palermo 16 december 1932 and member Noce cosca? But is Belmonte Mezzagno capomafia ??


Salvatore Bagliesi arrested
Salvatore Bagliesi was arrested in Partinico 18 September 2009


Operation Addiopizzo 5 (12 December 2010)
Terrasina capo mafia Salvatore D’Anna also capomandamento for Partinico??




Borgetto capomafia Benedetto “Benny” Valenza arrested in operation “Benny”
Ed è proprio per l'intestazione fittizia di un impianto alla mamma che Valenza (47) è stato arrestato 3 June 2009 e condannato con sentenza definitiva. Nel corso delle indagini furono sequestrati l'impresa Flora Camilli, la Calcestruzzi Lo Bello Salvatore di Castelvetrano, la Calcestruzzi Timpa Salvatore di Balestrate e la società 2P Trasporti di Alcamo.


Francesco Romano, 61 anni, incensurato; e ancora Salvatore Timpa, 51 anni, imprenditore incensurato di Balestrate e Salvatore Lo Bello, 47 anni, imprenditore incensurato di Castelvetrano. Sequestrati, inoltre 5 impianti di calcestruzzo e una società di trasporto merci, per un valore complessivo di circa 20 milioni di euro. Gli investigatori hanno accertato che l’imprenditore Benedetto Valenza di Borgetto, nonostante il suo impero aziendale fosse stato sgretolato nel 2001 grazie alla sentenza di confisca emessa dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo a seguito di una indagine da cui emerse chiaramente la sua vicinanza ai fratelli VITALE di Partinico, era riuscito a reinserirsi nel settore della produzione e fornitura di calcestruzzo e conglomerati bituminosi, intestando fittiziamente beni e società a terze persone, in qualità di prestanome; gestiva 5 impianti di calcestruzzo e una società di trasporto merci dislocati tra le province di Palermo e Trapani riuscendo a detenere un vero e proprio monopolio nella produzione – fornitura di calcestruzzi nei due territori. Si tratta della Camilli Flora, impresa individuale di produzione calcestruzzi con sede legale e operativa in contrada Sardo a Borgetto; la Calcestruzzi Lo Bello, altra impresa individuale con sede legale e operativa in via Santissima Trinità a Castelvetrano; la TIMPA SALVATORE, impresa individuale di commercio e ingrosso di calcestruzzo e materiale inerti con sede legale e operativa in contrada Giardini a Balestrate; La 2P TRASPORTI s.r.l., impresa di trasporto di merci su strada con sede legale in corso Isola delle Femmine a Capaci; i la 2P TRASPORTI ex Medicamenti, con sede operativa in Contrada Furchi ad Alcamo e infine la 2P TRASPORTI ex Superbeton, con sede operativa in contrada Perino a Marsala. Tutte le ditte sottoposte a sequestro e adesso affidate ad amministrazioni giudiziarie, avrebbero fatto fruttare a Benny Valenza un giro di affari complessivo di oltre 50 milioni di euro. Gli investigatori hanno appurato che al fine di aumentare i guadagni, dopo le prime forniture di calcestruzzo e i susseguenti controlli da parte dei direttori dei lavori, Valenza ordinava ai suoi addetti di ridurne la qualità in relazione all’allentamento delle verifiche nel corso dell’esecuzione delle opere; era inoltre riuscito a aggiudicarsi la fornitura di calcestruzzo alle più importanti opere pubbliche delle province di Trapani e Palermo tra i quali il Porto di Balestrate, la costruzione di 30 capannoni nella zona artigianale di Partinico, il rifacimento del lungomare di Mazara del Vallo, lavori presso gli aeroporti di Punta Raisi e di Trapani Birgi. Al termine delle incombenze di rito, Benedetto Valenza è stato rinchiuso presso la Casa Circondariale “Ucciardone” di Palermo mentre gli altri tre, Romano, Timpa e Lo Bello, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari



Borgetto capomafia Benedetto “Benny” Valenza
il imprenditore di Borgetto divenne uno dei bracci economici dei Brusca di San Giuseppe Jato e dei Vitale di Partinico. E proprio grazie alla loro protezione le sue aziende e soprattutto i suoi impianti di calcestruzzi, la "Mediterranea calcestruzzi srl" a Castelvetrano, la "Calcestruzzi del Golfo srl" a Borgetto e la "BV Cementi srl"a Palermo operarono per tutti gli anni Novanta gestendo in assoluto regime di monopolio gli appalti di edilizia pubblica e privata della zona.



"Mediterranea calcestruzzi srl" a Castelvetrano


"Calcestruzzi del Golfo srl" a Borgetto


"BV Cementi srl"a Palermo


Borgetto capomafia Benedetto “Benny” Valenza arrested in operation “Benny 2”
a conclusione dell’attività investigativa “Benny 2”, condotta dalla Compagnia di Partinico e dal Nucleo Investigativo di Monreale, hanno eseguito sette misure cautelari degli arresti domiciliari, emesse dal Tribunale di Palermo – Sezione Gip. su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo (procuratore capo Francesco Messineo, Francesco Del Bene, Sergio De Montis, Lia Sava ) nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di frode in pubbliche forniture, truffa, falso materiale ed ideologico in relazione alla fornitura di calcestruzzo depotenziato per la costruzione del porto di Balestrate (Pa). I sette arrestati sono: Benedetto Valenza, 53 anni (già indagato per mafia e condannato a 4 anni per fittizia intestazione dopo essere stato arrestato nell’operazione Benny); Filippo Grancagnolo, 65 anni, capocantiere; Leonardo Tallo, 48 anni, ingegnere del Genio Civile per le opere marittime; Giuseppe Jaforte, 62 anni e Giovanni Battista Rubino, 68 anni, membri della commissione di collaudo statico nominato dall’assessorato all’Ambiente; Antonino Turriciano, 54 anni, e Pietro Sacco, 63 anni, assistenti del direttore ai lavori.

I reati, dunque, sono relativi alla costruzione del porto di Balestrate ove è stato constatato l’impiego di calcestruzzo di qualità differente ed inferiore ai valori di resistenza a compressione fissati dalla legislazione tecnica sulle costruzioni, in difformità a quanto stabilito ed indicato nei capitolati di appalto e nel progetto.

L’attività investigativa è la prosecuzione dell’indagine “Benny”, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, che nel 2009 consentì ai carabinieri della Compagnia di Partinico di arrestare 4 imprenditori operanti nel settore della produzione e trasporto di calcestruzzo che erano prestanome di Benedetto Valenza. Quale ulteriore prosecuzione di tale attività, vennero avviati accertamenti per riscontrare condotte illecite poste in essere, a vario titolo, dagli odierni indagati in merito alla qualità del calcestruzzo utilizzato per la realizzazione del porto e di altre opere pubbliche.

Nel proseguo dell’attività d’indagine, infatti, la Procura di Palermo aveva incaricato due consulenti di svolgere indagini tecniche per verificare la corretta esecuzione dei lavori di costruzione del porto di Balestrate cui Benedetto Valenza aveva partecipato con la ditta “Camilli Flora”, a lui riconducibile e già oggetto di sequestro nella precedente operazione dei carabinieri. L’esito della consulenza, integrato da ulteriori acquisizioni investigative da parte dei Carabinieri della Compagnia di Partinico, ha consentito di acquisire diversi elementi nei confronti delle persone sotto elencate



Altofonte capo mafia Domenico Raccuglia "il veterinario" arrested
15 November 2009 was Domenico Raccuglia (45) arrested near Trapani. The most important bosses in Palermo are now Gianni Nicchi and Giovanni Motisi. ??Alberto Raccuglia ??





Brancaccio – Corso dei Mille capo mandamento Francesco Di Fresco arrested
Brancaccio- Corso dei Mille capo mandamento Francesco Di Fresco (53) was arrested 6 October 2010


San Lorenzo Mafioso Rosario Naimo “Sarino” arrested
In October 2010 was San Lorenzo Mafioso Rosario Naimo “Sarino” arrested and became pentito??


Mondello meeting
12 November 2010 the Mondello meeting attended by Tommaso Natale capo mafia Giulio Caporrimo, Tommaso Natale soldier Giuseppe Serio, Boccadifalco soldier Alfonso Gambino, Porta Nuova soldier Daniele Lauria, Porta Nuova soldier Agostino Catalano, Agostino Manzella and Francesco Ruggeri.


Palermo based Piazza Ingastone meeting
6 December 2010 the Piazza Ingastone meeting attended by Pagliarelli capo mafia Michele Armanno, Armanno underboss Maurizio Lareddola, Corso Calatafimi capo mafia Paolo Suleman, Luigi Giardina (brother in law of Gianni Nicchi), Vincenzo Bertolino, Ignazio Gallidoro, Porta Nuova capo mafia Tommaso Di Giovanni, Porta Nuova capo mafia Nicolo Milano, Porta Nuova soldier Antonino Ciresi, Giuseppe DiMarco, Ivano Parrino, Gaspare Parisi, Giovanni Mule, Antonino LoIacono, Giovanni Giammone, Uditore soldier Salvatore Sansone and Uditore soldier Alessandro Costa


Palermo based Villa Pensabene restaurant meeting
7 February 2011 the Villa Pensabene restaurant meeting attended by Tommaso Natale capo mafia Giulio Caporrimo, Santa Maria del Gesu capo mandamento Giuseppe “Pippo” Calascibetta, Brancaccio capo mafia Antonino “Nino” Sacco, Brancaccio capo mafia Cesare Lupo, Brancaccio capo mafia Giuseppe Arduino, Andrea Luparello, Stefano Scalici, Amedeo Romeo, Tommaso Natale man Giovanni Bosco (family of the 1981 killed capo mafia Salvatore Inzerillo), Boccadifalco soldier Alfonso Gambino, Boccadifalco soldier Matteo Inzerillo, Torretta capo mafia Ignazio Antonio Mannino, Noce capo mafia Salvatore Seidita and Cruillas capo mafia Gaetano Maranzano


Bagheria based Don Ciccio restaurant meeting
12 march 2011 Don Ciccio restaurant meeting attended by Porta Nuova capo mafia Tommaso Di Giovanni, Porta Nuova capo mafia Nicolo Milano, Bagheria capo mafia Antonino Zarcone, Villabate capo mafia Antonino Messicati Vitale.





Terrasina capo mafia Salvatore D’Anna (born 17 july 1960 and son of girolamo D’Anna)
Terrasina capo mafia Salvatore D’Anna his brother in law Antonio Catalfio (his brother Giuseppe catalfio is married with Pina Modesto a niece of Nicola Sacco from Camporeale and family of the boss Sacco)


Terrasini brothers Francesco, Mariano and Gioacchino Azzolini paid pizzo first to Carini Mafioso Angelo Conigliaro and then to Gaspare Dimaggio


Carini capo mafia Vincenzo Pipitone arrested
18 March 2011 were arrested the brothers Giovanni Pipitone, Antonino Pipitone, Vincenzo Pipitone and Ferdinando “Freddy” Gallina (the brother of Giovanni Gallina and they are the sons of Salvatore Gallina)





Borgo Vecchio (mandamento Palermo central) capo mafia Davide Romano killed
7 April 2011 murder of Borgo Vecchio (mandamento Palermo central) capo mafia Davide Romano


Palermo based Barcarello meeting
12 April 2011 Barcarello meeting attended by Tommaso Natale capo mafia Giulio Caporrimo, Amedeo Romeo, Tommaso Natale soldier Stefano Scalici and Calogero Caruso.


Palermo based Antica Pescheria Del Corso meeting
22 April 2011 Antica Pescheria Del Corso meeting attended by Pagliarelli capo mafia Michele Armanno, Armanno underboss Maurizio Lareddola, Noce capo mafia Salvatore Seidita


Palermo based Via Emilia meeting
7 June 2011 Via Emilia meeting attended by Tommaso Natale capo mafia Giulio Caporrimo, Amedeo Romeo, Giovanni Li Causi, Noce capo mafia Fabio Chiovaro, Gaetano Maranzano, Tommaso Di Giovanni, Nicola Milano, Alessandro D’Ambrogio, Cesare Lupo, Antonino Zarcone, Luigi Giardina, Antonino Messicati Vitale


Palermo based Villa Pensabene restaurant second meeting
14 June 2011 Villa Pensabene restaurant second meeting attended by Tommaso Natale capo mafia Giulio Caporrimo, Tommaso Natale capo mafia Sandro Diele, Giuseppe Serio, Giovanni Castello, Stefano Scalici, Amedeo Romeo, Giuseppe Bellino, Fabio Chiovaro, Gaetano Maranzano, Tommaso Di Giovanni, Nicola Milano, Alessandro D’Ambrogio, Antonio Seranella


Santa Maria del Gesu capo mandamento Giuseppe “Pippo” Calascibetta
Santa Maria del Gesu capo mandamento Giuseppe “Pippo” Calascibetta was 19 September 2011 shot and killed


Nunzia Graviano gestisce il bar Diapason, in via Tripolitania, a Roma, ma la va a visitare Giuseppe Arduino, fattorino di San Paolo Palace hotel ma anche boss delle estorsioni e della droga che parte da Palermo arriva a Roma


Altri esponenti del clan Graviano gestivano bar Sofia, in via Mondini, traversa della centralissima via Libertà.
Si tratta del bar Sofia di via Mondini, nel salotto della città e che prende il nome dalla nipotina di Nino Sacco, e l'azienda di trasporti AZ di via Salvatore Cappello a Brancaccio, nella quale, tra i lavoratori, figurava Cesare Lupo. Salvatore Perlongo, titolare del bar, Salvatore Corrao e Christian Divano, sono indagati come prestanome. Stessa accusa per Giovanni Arduino, genero di Divano,


Calogero Di Stefano, e il gestore del bar dello stadio Barbera



Antonino Zarcone capo mafia of Altavilla Milicia


Operation Pedro against pizzo extortion in Palermo
13 December 2011 police arrest in operation Pedro then Antonino Zarcone (Bagheria mandamento), Nicolo Milano, Vincenzo Coniglio, Giuseppe di Marco, Antonino Lo Iacono, Gabriele Buccheri, Maurizio Pecoraro, Daniele Lauria, Agostino Catalano, Rudolfo Allicate, Francesco Paolo Putano, Giuseppe Auteri, Giovanni Giammona, Giovanni Lo Giudice, Domenico Marino, Christian Mancino, Matteo Rovetto, Salvatore Sampino, Giovanni Mannino, Giuseppe Giustino Rizzo, Fabrizio Toscano, Giovanni Toscano, Nunzio La Torre, Francesco Chiarello, Ivano Parrino and Gaspare Parisi


Capomandamento Brancaccio the Roccella capo mafia Giuseppe Guttadauro ??


San Giuseppe Jato mafia
now capomafia Bernardo Bommarito.




MANDAMENTO PALERMO CENTRO, PORTA NUOVA, BORGO VECCHIO




Borgo Vecchio capo mafia Francesco “Diabolic” Russo arrested
Salvatore Piccolo ally Borgo Vecchio capo mafia Francesco “Diabolic” Russo was 6 June 2008 arrested with Michele Siragusa and was followed up by Paolo Romano
Borgo Vecchio capo mafia Paolo Romano


Porta Nuova capo mafia Gaetano Lo Presti (52) suicide
16 December 2008 hangs Porta Nuova capo mafia Gaetano Lo Presti (52) himself in Pagliarelli prison


Brancaccio pentito Santino Puleo
Brancaccio pentito Santino Puleo was arrested in January 2009 and became pentito


11 May 2009 police arrested in operation Cerbero (Brancaccio/ Porta Nuova pentito Santino Puleo who had been arrested in January 2009 and pentito Borgo Vecchio capo mafia Fabio Manno arrested in December 2008 in operation Perseo). Police arrested Guadagna Mafioso Francesco Fascella (considered the heir of Pietro Aglieri), Giovanni Asciutto and Antonino Sacco the new bosses of Brancaccio. Also arrested was Francesco Francoconti.

gli esattori del pizzo di Brancaccio: Giacomo Teresi (gestore di una macelleria in via Portella di Mare 27) e Vincenzo Vella.

Salvatore Gucciardi e Paolo La Rosa si occupavano invece delle spedizioni punitive: «Ebbero l´ordine di prendere a bastonate il titolare della concessionaria Zeus Car di via Messina Marine - rivela il pentito Andrea Bonaccorso - per una estorsione che gli era stata fatta». Ci sono poi gli insospettabili della cosca: Giovanni Di Pasquale era ufficialmente solo il gestore dell´agenzia di pompe funebri "Orchidea", di corso dei Mille («Non è sua, ma di un mafioso», dicono i pentiti), in realtà si sarebbe occupato dello spaccio di cocaina. L´imprenditore edile Francesco Francofonti «aveva invece il compito di sondare fra i colleghi - dice Puleo - per accertare la loro permeabilità alle richieste estorsive». Alla Guadagna, c´era la famiglia di Francesco Fascella ad occuparsi della vendita all´ingrosso di cocaina: «I Lo Piccolo prendevano carichi da un chilo alla volta, 48.000 euro», racconta il pentito Franzese. Fascella, che gestisce un alimentari, è stato fermato assieme al fratello Pietro e al figlio Filippo.

Anche fra le fila di Porta Nuova sono stati arrestati estorsori: Fortunato Bonura, che gestisce una pescheria al Borgo Vecchio; Elio Ganci, Giuseppe La Malfa e Vittorio Randazzo. In manette è finito poi Salvatore D´Amico.



Porta Nuova members
Elio Ganci, Giuseppe La Malfa e Vittorio Randazzo, Fortunato Bonura.


Porta Nuova or Palermo Centro!! members
Peter Abbate, Salvatore Madonia


Marco Coga
Marco Coga was 13 July 2009 arrested, he belongs to the Porta Nuova cosca and became pentito. Marco Coga had a bar in viale Lazio and a bar at piazza Sant Oliva


Borgo Vecchio capo mafia Gregorio Di Giovanni
Borgo Vecchio capo mafia Gregorio Di Giovanni and his brother Tommaso Di Giovanni


Borgo Vecchio capo mafia Antonino Abbate
Luigi Abbate “gino u Mitra” and his daughter Maria Abbate (her husband Claudio Demma)


Porta Nuova capo mafia Gregorio Di Giovanni and Borgo Vecchio capo mafia Antonino Abbate arrested
17 June 2010 was operation “Eleio” ended and arrest they 15 persons practically decimating the Porta Nuova cosca. Among them are Porta Nuova capo mafia Gregorio Di Giovanni and Borgo Vecchio capo mafia Antonino Abbate. Also arrested were Ottavio Abbate, Alessio Alieri, Antonino Barbera, Francesco Castronovo, Alessandro Cutrona, Ignazio Di Marco, Salvatore Ingrassia, Calogero Marino, Antonino Minafo, Carlo Pellitteri, Gaetano Presti and Angelo Vassallo.


Brancaccio capo mafia Francesco Di Fresco arrested
6 October 2010 was Brancaccio capo mafia Francesco Di Fresco arrested


Builder Francesco Civello
13 October 2010 many goods were confiscated of builder Francesco Civello (76) because he was a partner with Francesco Zummo


Porta Nuova capo mafia Tommaso Lo Presti
1 February 2011 was Porta Nuova capo mafia Tommaso Lo Presti spoken free, his wife is Teresa Marino


Borgo Vecchio capo mafia Nicolo Pecoraro arrested
Borgo Vecchio capo mafia Nicolo Pecoraro was arrested 5 April 2011 in the house of Giuseppe Ruggeri the son in law of Antonino Lauricella. ??25 May 1995 was in Palermo Giorgio Pecoraro killed?? Family??


Davide Romano killed
6 April 2011 was Davide Romano (34) found shot and killed in a car. Pentito Vito Galatolo is convinced the murder is ordered by Calogero Lo Presti


Borgo Vecchio capo mafia Gregorio Di Giovanni arrested
Borgo Vecchio capo mafia Gregorio Di Giovanni arrested in June 2011 (his brother Tommaso Di Giovanni)


11 July 2011 police arrested in operation « Hybris »
01. NICCHI Giovanni Vincenzo, nato Torino 16 feb 81, in atto detenuto, già capo del mandamento mafioso di “Pagliarelli”;

02. ARMANNO Michele, nato Palermo 13 set 42, capo del mandamento mafioso di “Pagliarelli”;

03. ABBATE Luigi, nato Palermo 12 lug 74, capo della famiglia mafiosa di “Borgo Vecchio”;

04. ADAMO Giovanni, nato Palermo 20 mag 71;

05. ANNATELLI Vincenzo, nato Liegi 04 mag 78;

06. BARONE Francesco, nato Palermo 10 giu 84;

07. BELLINO Giuseppe Antonio Domenico, nato Palermo 09 apr 75;

08. BERTOLINO Antonino, nato Palermo 19 nov 55;

09. BERTOLINO Michele, nato Palermo 29 mar 81;

10. CASTELLO Giovanni, nato Torino 02 giu 75;

11. COSTA Alessandro, nato Palermo 16 ago 84;

12. D’AMBROGIO Salvatore, nato Palermo 05 lug 68;

13. GIARDINA Luigi, nato Palermo 04 apr 83;

14. LA MATTINA Giuseppe, nato Palermo 16 ago 73;

15. LAREDDOLA Maurizio, nato Palermo 13 mag 63;

16. LONGO Alessandro, nato Palermo 19 giu 83;

17. MARTORANA Gioacchino, nato Palermo 24 apr 62;

18. MIRINO Salvatore, nato Palermo 18 mar 67;

19. MORFINO Mariano, nato Palermo 18 ago 67;

20. OROFINO Giuseppe, nato Palermo 08 feb 81;

21. DI GAETANO Vincenzo, nato Palermo 18 feb 54;

22. SANSONE Alessandro, nato Palermo 10 ago 89;

23. SASSO Raffaele, nato Palermo 17 giu 67;

24. TARANTINO Giovanni, nato Palermo 04 gen 62;

25. SCOZZARI Giampiero, nato Palermo 23 gen 74;

26. SULEMAN Paolo, nato Palermo 20 lug 76;

27. VIVIANO Marcello, nato Palermo 14 dic 73;

28. ZIZO Giuseppe, nato Palermo 12 lug 74;

29. CHIARELLO Francesco, nato Palermo 05 mag 80; (Borgo Vecchio ?? Pagliarelli members or associates ??)

30. LA TORRE Nunzio, nato Palermo 26 set 86; (Borgo Vecchio ?? Pagliarelli members or associates ??)

31. VULLO Vincenzo, nato Palermo 31 mag 74; (Borgo Vecchio ?? Pagliarelli members or associates ??)

32. PUCCIO Gianfranco, nato Palermo 21 set 73;

33. MENDOLA Valerio Marco, nato Palermo 27 lug 83;

34. DOLCE Serafino, nato Palermo 22 mar 81;

35. PARISI Gaspare, nato Palermo 29 giu 77;

36. PARRINO Ivano, nato Palermo 02 lug 79;

37. INGRASSIA Salvatore, nato Palermo 04 giu 65, in atto detenuto;

38. BURGIO Filippo, nato Palermo 14 gen 72, in atto detenuto;

39. BONGIORNO Carmelo, nato Palermo 29 nov 89, in atto detenuto.


Borgo Vecchio member Gaspare Parisi wife pentita
Borgo Vecchio member Gaspare Parisi was arrested in July 2011 and his wife Monica Vitale became soon pentita


Porta Nuova sotto capo Antonino « U Scintilluni » (The Sparkling) Lauricella arrested
Porta Nuova sotto capo Antonino « U Scintilluni » (The Sparkling) Lauricella (son in law is Giuseppe Ruggeri) who was arrested in September 2011


Borgo Vecchio capo mafia Maurizio Pecoraro arrested
In December 2011 was arrested Maurizio Pecoraro he was the acting capomafia of Borgo Vecchio for Tommaso Di Giovanni


Borgo Vecchio capo mafia Nicolo Pecoraro dies
Borgo Vecchio capo mafia Nicolo Pecoraro (67) dies in February 2012 in Messina prison.


Porta Nuova soldiers
Nicola Milano “u’ricciu” (born 25 November 1927 and 85 when he died 19 March 2012 and cigarette smuggling partner of masino Spadaro) and his sons Nunzio Milano and Salvatore Milano. Giovanni Milano




MANDAMENTO BAGHERIA, VILLABATE, CASTELDACCIA, ALTAVILLA, FICARAZZI




Ficarazzi capomafia Giovanni Trapani arrested
15 October 2010 was arrested Giovanni Trapani, capomafia della ''famiglia'' di Ficarazzi


Ficarazzi capo mafia Giuseppe Comparetto
pentito di mafia di Ficarazzi Stefano Lo Verso, che, assieme all'altro pentito bagherese Onofrio Prestigiacomo,


Ficarazzi
Capo mafia Atanasio Alcamo


Bagheria mayor
From 14 June 2011 till 28 March 2014 served mayor Vincenzo Lo Meo



Villabate mayor
From 9 May 2012 till 15 October 2014 served mayor Francesco Cerrito


Antonino Messicati Vitale arrested
In Bali (Indonesia) was in December 2012 Antonino Messicati Vitale arrested (he is the son of the in 1988 killed Pietro Messicati Vitale


Villabate capo mafia Salvatore Montalto dies
Villabate capo mafia Salvatore Montalto died 4 April 2012




BRANCACCIO




Brancaccio capo mafia Natale Bruno
8 May 2012 police filmed in Altavilla Natale Bruno meeting Pietro Liga (48 and the son of Mariano Liga) who is the nephew of Bagheria capo mafia Giuseppe Scaduto


Brancaccio capo mafia Natale Bruno
14 May 2012 Natale Bruno met Francesco Paolo Conti the son in law of Antonino Vernengo


Brancaccio capo mafia Natale Bruno
In July 2012 met Natale Bruno with Domenico Spica the underboss of Cruillas- Malaspina


Brancaccio killer Gaspare Spatuzza friend Francesco Nangano killed
17 February 2013 was in the Brancaccio quarter of Palermo the man Francesco Nangano (50) killed, he was considered close to hitman Gaspare Spatuzza.


Brancaccio- Ciaculli
2 July 2013 was Giovanni Lo Cascio (86) arrested


Brancaccio capo mafia Natale Bruno
In November 2014 was Brancaccio capo mafia Natale Bruno arrested?????




MANDAMENTO BAGHERIA, VILLABATE, CATELDACCIA, ALTAVILLA, FICARAZZI




Bagheria mandamento arrests
8 May 2013 were arrested Giacinto Di Salvo (70 and born in Bagheria), Sergio Flamia (50); Silvestro Girgenti (42); Salvatore Bruno (36 from Bagheria); Driss Mozdahir (26); Francesco Centineo (29); Vincenzo Gagliano (49); Vincenzo Graniti (48 from Bagheria); Pietro Liga (47); Salvatore Fontana (63 from Misilmeri); Michele Cirrincione (29), Atanasio Leonforte (58 from Ficarazzi); Salvatore Lauricella (37); Pietro Granà (72 from Altavilla Milicia); Rosario La Mantia (49); Raffaele Purti (47); Vincenzo Gennaro (56); Umberto Guagliardo (24); Pietro Tirrena (38); Giuseppe Carbone (44); Settimo Montesanto (31 from Casteldaccia)


10 May 2013 were Canadians Juan Ramon Fernandez “Joe Bravo” (57) and Fernando Pimentel found killed in Casteldaccia. Suspects were the brothers Peter Scaduto (49) and Salvatore Scaduto (51) from Bagheria and Giuseppe Salvatore Carbone (brother of Andrea Carbone). The brothers Scaduto had fled to Canada in 1989 when their father had been killed in Bagheria.


Bagheria capo Nicolo Eucaliptus and his son Salvatore Eucaliptus and daughter Ignazia Eucaliptus (wife of Onofrio Morreale)


Bagheria capomandamento is Bagheria capo mafia Leonardo Greco but his acting capomandamento is Giuseppe Scaduto


Sergio Flamia and Carmelo Bartolone are capos in the Bagheria family


Flamia served the bosses Scaduto, Antonino Zarcone, Di Salvo.


Nuccio Fricano, il cognato di Flamia


Casteldaccia mayor
From 11 June 2013 till now served mayor Fabio Spatafora


Giovanni Costa (from Villabate)
Giovanni Costa (from Villabate) and his former wife Giuseppa Pandolfo (his girlfriend then became Francesca Fabbretti and her father Tommaso Fabbretti is president of soccer club Bologna Calcio)


Giovanni Costa (from Villabate)
Giovanni Costa (from Villabate) was arrested in September 2013 and had ties with the killed Palermo lawyer and swindler Giovanni Sucato


Bagheria mayor
From 28 March 2014 till 10 June 2014 served Michela Savina La Iacona (Comm. Regionale)


Bagheria mayor
From 10 June 2014 till now served mayor Patrizio Cinque


8 okt. 2014 - I carabinieri di Palermo hanno arrestato questa mattina a Ficarazzi (Pa) Antonino Messicati Vitale, reggente della famiglia mafiosa di Villabate.


Villabate mayor
From 24 November 2014 till 1 June 2015 served Benedetta Cannata (Comm. Straordinario)


Villabate mayor
From 1 June 2015 till now served mayor Vincenzo Oliveri


Bagheria
Acting boss Nicolo Greco
Acting underboss Giuseppe Di Fiore
Capo Carlo Guttadauro
Capo Francesco Pipia


Villabate
Acting boss Francesco Terranova
Acting underboss Giovanni La Rosa




MANDAMENTO PALERMO CENTRO, PORTA NUOVA, BORGO VECCHIO




Porta Nuova capo mafia Alessandro D’Ambrogio arrested
2 July 2013 police arrested Porta Nuova capo mafia Alessandro D’Ambrogio who was free since 2011


Porta Nuova mafioso Giovanni Di Giacamo brother killed
12 March 2014 was Giuseppe Di Giacomo killed (his brothers Marcello Di Giacomo and Porta Nuova mafioso Giovanni Di Giacamo were later arrested because they were going to kill Onofrio Lipari and Emanuele Lipari as revenge)


Porta Nuova capo mafia Alessandro D’Ambrogio convicted
17 March 2015 was Porta Nuova capo mafia Alessandro D’Ambrogio convicted


Borgo Vecchio capo mafia Domenico Tantillo
Borgo Vecchio capo mafia Domenico Tantillo and brother Giuseppe Tantillo were arrested 15 December 2015 in operation Panta Rei


Porta Nuova capomafia Giovanni Lipari ( ?? – present)
Porta Nuova capomafia Giovanni Lipari and his son Marcello Lipari




PARTINICO




Montelepre capomafia Andrea Impastato (from Cinisi)
21 mrt. 2014 - Ha lasciato il carcere ieri mattina l'imprenditore Andrea Impastato, 66 anni originario di Cinisi ma residente a Montelepre


Borgetto capomafia Benedetto “Benny” Valenza arrested in operation “Benny 3”
28 April 2014 police arrested Borgetto capomafia Benedetto “Benny” Valenza (52)


Misilmeri mandamento
3 March 2015 were arrested Belmonte capo mafia Giuseppe Vasta (who is close with Atonino Messicati Vitale), Bolognetta capo mafia Pietro Cireco (75), Belmonte Mezzagno capomafia Filippo Salvatore Bisconti (born 1 January 1960)


Palermo contactman Stefano Polizzi with Bolognetta mafia

7 March 2015 were Misilmeri capo mafia Alessandro Ravesi and Aristide Neri arrested in operation Jafar
Il pugno duro era condiviso anche dal successore di Lo Gerfo, Giuseppe Vasta coadiuvato da tre colonnelli: Alessandro Ravesi, Giovanni Ippolito e Aristide Neri.


Partinico
17 November 2015 arrestato Maria Gallina, 59 anni e Maria Vitale 40 anni, moglie e figlia del boss mafioso Leonardo Vitale.


Partinico mandamento (Partinico, Borgetto and Montelepre)
now capomafia Giuseppe Gelardi (capomandamento and believed to be hiding in South Africa)


Borgetto
Salvatore Prainito (FU)




Filippo Scrozzo, ex dipendente della ditta di calcestruzzo “Camilli Flora” e Giuseppe Giamo, anche loro finiti in manette la scorsa notte, una nuova società: la Euro Calcestruzzi snc con sede a Borgetto in via Dommartino 26. Filippo Scrozzo socio amministratore titolare del 50,50 % delle quote societarie, anche da Giuseppe Giaimo il 49,50 % delle quote.

Views: 925

Comment

You need to be a member of Gangsters Inc. - www.gangstersinc.org to add comments!

© 2019   Created by Gangsters Inc..   Powered by

Badges  |  Report an Issue  |  Terms of Service